Before the flood: Il film di Di Caprio sui cambiamenti climatici

Augusto LacalaEtica-mente

Before the flood: il film di Di Caprio sui cambiamenti climatici

Before the Flood, il film-documentario prodotto da Di Caprio sui cambiamenti climatici è in rete già da qualche giorno e sta facendo parlare di se. Noi l’abbiamo visto e vogliamo raccontarti cosa ne pensiamo.

Before the Flood, comincia con un messaggio tanto semplice quanto forte “Di fronte alla smisurata vastità dell’universo il pianeta terra è come una minuscola imbarcazione, se questa barca dovesse affondare è chiaro che per l’umanità non ci sarebbe scampo”. Il titolo italiano è altrettanto eloquente “Punto di non ritorno” Questo non vuol dire che non ci sia più nulla da fare per il nostro pianeta. Al contrario c’è molto da fare se vogliamo che questa nostra piccola barca verde e blu navighi ancora per molto e Di Caprio sceglie di farcelo vedere attraverso i suoi occhi.

Before the flood: un’immagine vale più di mille parole

Quando si parla di cambiamenti climatici e di preservare l’ambiente ci troviamo quasi sempre di fronte a tre tipi di persone: chi dopo una presa di coscienza decide di rimboccarsi le maniche e fare qualcosa. Chi crede che si stia esagerando. Chi non sa esprimersi perché non ha elementi per giudicare. È proprio a questi ultimi che Di Caprio si rivolge nel suo documentario. Cerca di fornirgli i validi elementi di valutazione per permettere quindi l’inizio di un percorso.

Before the flood documenta le visite dell’attore in giro per il mondo  come ambasciatore dell’ONU. Il documentario ci mostra tutte quelle situazioni che sono un reale rischio per l’ambiente, che troppo spesso vengono ignorate perché le sentiamo troppo lontane; Lo smog di Shanghai,  le piantagioni di palme in Amazzonia o l’assottigliarsi dei ghiacci ai poli.

Il documentario in cui Di Caprio è un po’ un nostro sostituto, dura poco più di un’ora e mezzo. In ogni intervista rilasciata, che si tratti di un capo di stato o di un esperto in materie ambientali, l’attore pone domande semplici e dirette, le stesse che chi sta guardando il film si fa ogni giorno.

Abbiamo amato Before the flood anche  per questo, per la sua immediatezza, naturalezza e facilità di dialogo. Se non l’hai già fatto, ti consigliamo di vederlo subito, lo trovi gratuitamente ed in italiano sul canale della National Geographic. Una scelta importante quella di mettere in free download questo documentario che ci racconta della reale necessità avvertita dalla produzione sul far cambiare realmente qualcosa.

Il lato green di Hollywood

Before the flood è solo l’ultimo film che ha come scopo la sensibilizzazione e l’informazione di massa sui cambiamenti climatici della terra. Già nel 2006 Al Gore con il suo “Una scomoda verità” fece molto discutere ed accese in molti la scintilla della consapevolezza sullo stato di salute del nostro pianeta.

Il film è basato sugli interventi tenuti più di 1000 volte in 15 anni da Al Gore. Durante tutti i convegni l’ex vicepresidente mostra con dati e documenti alla mano, che il riscaldamento globale non è una teoria. Il riscaldamento globale è una scomoda verità che non può essere più ignorata.

5 documentari da guardare assolutamente per avere le idee chiare sul cambiamento climatico

Esistono molti altri documentari in grado di mostrarti le bellezze della natura e di come le nostre scelte influiscano su di esse. Vogliamo consigliartene cinque.

  1. Chasing ice (2012): il film segue le avventure di James Balog, un fotografo della National Geographic durante il suo viaggio nell’Artico. Foto dopo foto Balog ci fa vedere come i ghiacciai cambiano a causa del riscaldamento globale.
  2. Plastic Paradise: The Great Pacific Garbage Patch (2013): un documentario indipendente di Angela Sun che intraprende un viaggio verso l’Atollo di Midway per scoprire di più su come l’inquinamento da plastica riesca a raggiungere anche le zone più remote dell’oceano
  3. Artic Tale (2007): questo documentario della National Geographic ci mostra la dura vita nell’artico dalla prospettiva di due mamme con i propri cuccioli; un orso polare ed un tricheco.
  4. Sharkwater (2006): parla esattamente dell’importanza di questo animale e di come l’esistenza di determinate industrie ne stia determinando la scomparsa.
  5. Carbon Nation (2010): Carbon Nation è un documentario che tratta di come l’impronta ecologica di ognuno di noi stia giorno dopo giorno diventando insostenibile per l’ambiente e di quali possono essere le soluzioni alternative.

5 film che ti mostrano le conseguenze del cambiamento climatico

Dagli studi di Hollywood d’altro canto non nascono solo documentari impegnativi sull’argomento. Molti toccano il problema dei cambiamenti climatici raccontandoli in una luce più avventurosa ed esagerata, capace di prendere anche l’attenzione dei più piccoli ed offrire un ottimo spunto di discussione senza però distaccarsi poi molto da quelli che potrebbero essere i risultati delle nostre cattive abitudini.

  1. La tempesta perfetta (2010): è un film sicuramente d’impatto che tratta di una storia vera. Nel 1991 una tempesta affondò l’Andrea Gail e provocó più di 200 milioni di dollari di danni.
  2. L’alba del giorno dopo (2004): il surriscaldamento globale e lo scioglimento delle calotte polari provocano una serie di eventi climatici estremi che porteranno la terra ad una nuova era glaciale con conseguenze disastrose per l’umanità.
  3. Snowpiercer (2013): l’umanità in un estremo tentativo di risolvere il surriscaldamento del pianeta tenta un esperimento per cambiare il clima. L’esperimento fallisce gettando il mondo in un’improvvisa era glaciale a cui solo in pochi sopravvivono rifugiandosi in un treno, lo snowpiercer.
  4. Waterworld (1995): come sarebbe la terra se tutti i ghiacciai si sciogliessero? Un immenso oceano dove la terra ferma è solo un vago ricordo. Ma qualcuno crede che da qualche parte la terra ferma esista ancora.
  5. Happy Feet (2006): sotto la trama leggera e spensierata, accompagnata da pinguini che danzano e cantano si nasconde un messaggio molto più profondo che parla della pesca indiscriminata e di come il riscaldamento globale minacci l’esistenza dei pinguini.

Come i cambiamenti climatici cambiano il mondo

Ascoltando il tg sicuramente ti sarà capitato di sentire dire all’annunciatrice che questo anno sarà più caldo di quello precedente. Non tutti danno peso a questa notizia. La temperatura è aumentata di un solo grado, che sarà mai, giusto? Non è così, anche un piccolo cambiamento, anche di un paio di gradi può avere conseguenze davvero significative per l’ambiente.

Due gradi che per te sono la differenza tra l’uscire a maniche lunghe o a maniche corte, per l’ambiente in cui viviamo significano:

  • Riduzione dei raccolti
  • Aumento delle alluvioni in alcune zone del mondo
  • Aumento del tasso di desertificazione
  • Dal 200 al 400 percento di aree boschive bruciate dagli incendi naturali.

Adesso che sai cosa possono fare due gradi in più, immagina cosa possono fare due gradi in meno. Il cambiamento climatico è la principale minaccia per l’ambiente. Noi dobbiamo lavorare insieme come un’unica voce per chiedere a chi di dovere di agire subito. Ma dobbiamo anche essere i primi ad agire, partendo dai gesti di tutti i giorni che salvaguardano l’ambiente.